del destino e della libertà

dona

La parola liberazione è quanto mai inadatta a ricordare una festa che , come si è già riflettuto su queste pagine, ha visto un paese passare da un  giogo ad un altro; un giogo piu’ subdolo ma altrettanto odioso e, a suo modo, violento.

Per dimenticare come la parola liberazione sia tanto spesso usata a sproposito, oggi vorrei riflettere sul testo di una canzone di tradizione ebraica, che venne tradotta in inglese e riproposta dalla corrente folk americana negli anni ’60 ( potete sentirla cantare dalla bella voce di joan Baez qui).

Trovo estremamente interessante e significativo che questa canzone, così poco banale ed autocommiseratoria,  sia stata scritta da un popolo che porta in sè la memoria di molte persecuzioni.

Come è ovvio alla psicanalisi, e , da sempre,  prima di essa, alle religioni – ma come troppo spesso si dimentica nell’analisi politica e sociale – qualsiasi dialettica carnefice-vittima presuppone un tacito (o , se preferiamo, inconscio) accordo fra le parti.  Prendere coscienza di questo “accordo” puo’ essere  tanto piu’ odioso quanto piu’ le sue radici sono rimosse e lontane nello spazio e nel tempo dalla nostra comprensione cosciente.  Il concetto di “destino” ( o di “karma” nella cultura orientale ) indica proprio l’ esplicarsi di una forza interiore che va oltre l’arbitrio razionale dell’uomo, sospingendolo  verso il concretizzarsi di quegli eventi (spesso autodistruttivi)  che, soli , possono comportare una necessaria trasformazione lungo il cammino per la ricerca del proprio Sè.

In questo senso il “destino” non è che l’ovvio percorso interiore che si snoda lentamente verso la luce:  qualsiasi evento , se perviene ad accadere, risponde ad un intimo arbitrio ed è necessario a compiere questo percorso di  individuazione . Ecco perchè il concetto di liberazione puo’ essere apprezzato appieno solo nell’ottica religiosa e spirituale dell’immortalità dell’anima e della possibilità di una redenzione oltre la vita fisica. Non esistono una giustizia o una libertà terrene: esistono solo vari gradi di schiavitù, vari gradi di ingiustizia, e noi abbiamo il dovere , in questa vita, di anelare al minor male possibile e di batterci per esso; ma non è tutto. E’ la nostra anima a dover volare libera nel cielo, e questa libertà interiore non puo’ essere concessa o revocata all’ uomo da un suo simile.

Ho tradotto per voi il testo di questa dolce canzone in versi che possano essere cantati sulla musica originale; potete trovare gli originali qui.

            DONA DONA                                                                                                                                           

Sul sentiero per il macello                                                                                                               Al mattino il fattore va                                                                                                                       Sul  suo carro piange il vitello                                                                                                         Che già sa cosa gli accadrà

Soffia forte il vento                                                                                                                             Con tutta la forza che ha,                                                                                                          Giorno e notte ride e di chi soffre non ha pietà

Dona, dona, dona, dona,
Dona, dona, dona, do,
Dona, dona, dona, dona,
Dona, dona, dona, do.

“Perchè piangi?” dice il fattore,                                                                                                    Non ho colpa per ciò che sei,
Su nel cielo guarda la rondine,
Perchè tu non sei come lei?”

Soffia forte il vento                                                                                                                       Con tutta la forza che ha ,                                                                                                         Giorno e notte ride e di chi soffre non ha pietà

Spesso l’uomo come il vitello
Senza opporsi al macello va
Ma chi vola come la rondine
Si conquista la libertà.

Soffia forte il vento                                                                                                                        Con tutta la forza che ha ,                                                                                                          Giorno e notte ride e di chi soffre non ha pietà.

One thought on “del destino e della libertà

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s