Category Archives: Salute info

Sano e…Forte! (repost)

A grande richiesta, dedicato agli iscritti del ns gruppo  “Laboratorio di Salute Responsabile , un utilissimo repost dal vecchio blog Gradipo.

 

cayennepIn erboristeria il peperoncino (in particolare la varieta’ Cayenne) e’ considerato il re delle erbe medicinali. Il suo principio attivo, la Capsaicina, ha grandi proprietà analgesiche, antinfiammatorie ed antiossidanti.

E’ un vero e proprio farmaco naturale, di gran lunga piu’ valido ed efficace di molti medicinali “veri”.

Cospargendo le ferite con la polvere di peperoncino, ad esempio, se ne ottiene la disinfezione, l’immediata cessazione del sanguinamento ed una rapida e completa guarigione, senza cicatrici. Contrariamente a cio’ che ci si potrebbe aspettare, il peperoncino non brucia affatto sulle ferite.

Il peperoncino , ricco di Vitamina A, Vitamina C e Vitamina B6, e’ molto utile per rinforzare le difese dell’organismo in caso di raffreddore, influenza ed affezioni respiratorie. Aiuta nel combattere le infezioni di ogni tipo, è antinfiammatorio e potenzia l’effetto delle erbe medicinali a cui viene associato.

Il peperoncino e’ infatti uno stimolante potentissimo di tutte le normali funzionalita’ dell’organismo: favorisce la digestione,l’ ossigenazione del sangue e di tutti i tessuti, la regolazione della pressione, l’ espulsione delle tossine e molto altro ancora, come potete leggere a questo generico link in italiano

E’ un toccasana per l’apparato cardiovascolare, e preso tempestivamente ha salvato piu’ di una persona colpita dall’ictus o dall’attacco cardiaco !

Il peperoncino e‘ veramente un farmaco salvavita, che sarebbe bene portare sempre con se’.

Per gli usi ed i dosaggi nelle emergenze, e per una ricetta casalinga di tintura di peperoncino, vedere questo prezioso link.

Per essere efficace il peperoncino va assunto per bocca e non in capsule! La mucosa della bocca infatti e’ responsabile di buona parte dell’assorbimento dei suoi preziosi nutrienti, e prepara lo stomaco allo “shock”. Puo’ essere bene iniziare a prenderlo ai pasti e in piccole dosi se non si e’ abituati! Per meglio sopportarne gli effetti, e’ utile ricordare che il peperoncino, anche quando e’ cosi’ forte da provocare lacrimazione, sudore e starnuti, non ha mai effetto ustionante, e non danneggia i tessuti:  il suo bruciore non rappresenta mai un pericolo per l’organismo, ma e’ soltanto un sintomo dell’aumento della circolazione periferica del sangue.

Piu’ e’ forte, e piu’ fa bene! Mezzo cucchiaino tre volte al giorno, sciolto in una tazza di acqua calda, con un po’ di miele e di succo di limone, mantiene in ottima salute.

c’è grasso e grasso

Quando veniamo al mondo nel nostro corpo è presente una notevole quantità di grasso bruno.

fat_baby

Diversamente dal grasso bianco, che è dannoso alla salute, il grasso bruno possiede interessantissime qualità salutari. Le sue cellule sono ricchissime di mitocondri e favoriscono la regolazione della temperatura corporea: in sostanza, grazie al grasso bruno il corpo è in grado di proteggersi dal freddo generando calore anche senza ricorrere al movimento. 

La presenza di una buona percentuale di grasso bruno è garanzia di efficienza metabolica e di salute generale. Aumentando questa percentuale e’ anche possibile perdere peso senza seguire alcuna dieta. Ma come si fa ad accrescere il numero di questi preziosi adipociti?

Innanzitutto, è necessario coprirsi il meno possibile. Non sto consigliando di prendere freddo, ma soltanto di abbigliarsi quel tanto che basta a proteggersi dalle basse temperature senza stare “al calduccio” . Il freddo deve solleticarci e farci venire voglia di muoverci! Se questo non succede, significa che siamo troppo coperti.

Un metodo efficacissimo per aumentare il grasso bruno è la doccia fredda, che deve essere effettuata a stomaco vuoto, durare almeno 30 secondi ed essere concentrata su schiena, spalle e collo -le zone nelle quali il nostro corpo produce e stocca queste cellule adipose.

Un altro metodo, un po’ meno drastico ma comunque efficace, è il bagno derivativo (piu’ info qui)

Nelle culture tradizionali è un uso frequente il bagno ghiacciato (come il nostro “Cimento” invernale) che spesso assume un carattere rituale e quasi iniziatico.

In conclusione, una sapiente e frequente esposizione al freddo è un caposaldo della nostra salute. E per i piccini? Vale lo stesso, naturalmente. Siete convinti che far prendere freddo al proprio bimbo sia una delle cose peggiori che un genitore possa permettere? E allora guardate qui!

Un vero amico in cucina (repost)

Crock Pot, altrimenti detto Slow Cooker. Ecco un acquisto che non si rimpiange.

Dopo aver istigato all’acquisto la mia amica Cristina, ripesco questo post dall’archivio del fu-blog Gradipo, e lo consiglio anche a voi di tutto cuore!

Image

Un crockpot e’ una pentola elettrica.

Introvabile in Italia, ma comunissimo nei paesi anglosassoni, il crockpot ( altrimenti detto slow cooker) e’ un oggetto veramente utile soprattutto per chi ha poco tempo per cucinare: per le mamme di bambini piccoli e/ o con famiglie numerose il crockpot e’ una vera benedizione!

Concettualmente e’ il contrario della pentola a pressione, sulla quale ha piu’ di un margine competitivo. Non e’ pericoloso, cuoce in modo molto sano; piatti come stufati di carne o verdura riescono perfettamente e data la bassa temperatura i risultati sono eccezionali per sapore e consistenza. I tempi di cottura non sono cruciali, e dimenticarsi di averlo acceso e’ il modo migliore per avere ottimi risultati.

Si compone di tre parti:

Una pentola in ceramica,

Una base in alluminio che si collega alla corrente tramite una presa elettrica,

Un coperchio, in genere di vetro, che permette di controllare quello che succede dentro.

E’ praticamente impossibile bruciare qualcosa in un crockpot. Si puo’ programmare a diverse temperature ( il mio ha alta, bassa e la funzione “warm” per tenere in caldo) . Potete mettere su lo stufato ed uscire per una bella gita; tornerete a casa la sera ed aprendo la porta vi accoglierà il profumo di un pasto caldo. Potete anche andarvene a dormire lasciando la fagiolata a stufare…in questo caso farete colazione un po’ straniti dall’odore della zuppa, ma a mezzogiorno sarete grati alla magica pentola.

Il funzionamento e’ a prova di idiota. Si riempie, si collega alla corrente, e si abbandona fiduciosamente per un tempo lunghissimo . La quantita’ di acqua necessaria e’ di molto inferiore a quella utilizzata con la cottura su fornello, perche’ l’evaporazione e’ minima.

E’ l’ideale per cuocere i legumi, per fare il brodo, per cuocere il riso .
Ci lascio i legumi per 8 ore, il brodo per 24 ore, il riso integrale per 2 ore .

Piu’ info tecniche qui.

Sul web sono reperibili moltissime ricette gratuite per chi non ha esperienza. Il crockpot , fino a poco tempo fa reperibile solo oltremanica, si puo’ trovare in vendita anche su vari siti di vendita online qui in Italia. Il mio fu acquistato e spedito da un amico inglese, e cosi’ mi tocco’ di cambiare la spina inglese con una italiana:  l’uomo di casa lo ha fatto ben volentieri, sapendo che sarebbe stato ricompensato della sua buona volonta’ per molti anni a venire… E cosi’ è stato, ed è ancora.

 

occhio alle orecchie

ippocrate
Prima dell’era dell’Industria Farmaceutica, la medicina tradizionale ha per centinaia di anni esaminato i pazienti con metodiche e tecniche svariate, oggi considerate vetuste ed insignificanti, poco piu’ che superstizione.

Tuttavia l’esame fisico del paziente – che persiste nella medicine tradizionali (come la cinese o la ayurvedica) e la cui eredità è stata raccolta in parte da omeopatia e da medicina olistica, dovrebbe sempre essere un pilastro della visita.

Il colore della lingua, la limpidezza dell’iride, quelli che una volta si chiamavano i “riflessi” : tutte variabili la cui importanza si è dimenticata ma che continuerebbero a parlare ad un occhio attento ed esperto. Purtroppo il nostro medico della mutua è assai piu’ sbrigativo, e sentendo l’elenco dei sintomi si limita a stampare al PC una lista di esami del sangue…

Venendo al punto. Uno di questi “indizi” che trovo singolarmente interessante è…. Continue reading

una boccata d'aria

….in tempi di sensazionalismo, quello della verità è l’unico outing interessante.

All’indomani delle inquietanti notizie sui vaccini ritirati dal mercato in molti paesi , è finalmente esplosa la liceità dell’obiezione all’obbligo vaccinale: da qualche giorno a questa parte, crocchi di mamme al parco e davanti a scuola discutono dell’argomento con una consapevolezza nuova, promettendo a sè stesse di non fare richiami vaccinali e di non immunizzare affatto i loro bimbi piccolissimi. Continue reading

il sonno della ragione

Dopo che la ricerca e gli studi clinici hanno provato che lasciar piangere a lungo i neonati ed i bambini piccoli danneggia irreparabilmente il loro sviluppo cerebrale, il famoso pediatra spagnolo Eduard Estivill, inventore del noto “metodo” per far dormire i bambini  (delineato nel libro “Fate la Nanna“) ha fatto un passo indietro. Continue reading

lavarsi è bene…

…ma non lavarsi è meglio. Almeno in estate!

La famosa Vitamina D, che la nostra pelle produce nei mesi estivi grazie all’esposizione al sole, e che ci serve da scorta nei lunghi mesi invernali, è indispensabile alla salute delle ossa, protegge dal tumore, supporta il sistema immunitario ( la stagione dell’influenza è l’inverno) e contribuisce notevolmente al tono dell’umore (non a caso i meridionali sono piu’ allegri e simpatici dei finlandesi ! ) .

Tuttavia, come si puo’ leggere in questo link , la Vitamina D viene prodotta dall’azione del sole sul sottile strato di grasso cutaneo, e da lì viene assorbita nel sangue nel giro di 48 ore.  Percio’, se dopo esserci esposti al sole ci laviamo con semplice acqua, non ci sono problemi; ma se usiamo il sapone , stiamo letteralmente privando il nostro corpo della possibilità di ottenere la preziosa vitamina.

A questo punto, l’idea piu’ saggia è quella di usare il sapone solo dove… non batte mai il sole!  

Almeno cinque giorni su sette, e almeno fino alla fine dell’estate.